Caricamento Eventi

Partendo dal rifugio Bocca di Selva (parcheggio) e lasciando sul fianco la pista di fondo, si punta alla cima del Tomba (1776m) visibile per le strutture dei ripetitori.

Vista a 360 gradi: a nord il gruppo del Carega, a ovest il Monte Baldo e verso est, oltre Malga San Giorgio, le cime della Lessinia orientale.

Breve sosta presso rifugi “Primaneve” e il “Monte Tomba”, ci incamminiamo verso ovest scendendo il pendio del monte alla volta di Podestaria.

Ne notiamola lunga sagoma, tenendola come “faro”, Scendiamo dalla montagna, attraversiamo con attenzione la pista da fondo e continuiamo a ciaspolare sul candido manto innevato in ripida discesa fino a raggiungere il rif. Podestaria.

Dal rifugio si scende verso il ”Vajo delle Ortighe”’ questo l’unico passaggio un po’problematico di tutta la nostra escursione (fare attenzione per via delle pietre affioranti e la pendenza).

Risaliamo a sinistra ad entrare nel bosco di conifere. Numerosi i cartelli dell’Ente Parco su flora e fauna.

Quindi per un lungo tratto in discesa giungiamo la in località Arbi di Cornicello ad una altitudine di 1360 m.

Comincia ora una lunga salita verso Malga Folignone e Bocca di Selva.

All’uscita da brevi tratti nel bosco, straordinari scorci panoramici, in poco meno di un’ora ci riporta alla piana di Bocca di Selva al nostro punto di arrivo.

 

globe_icon Prealpi Venete – Prealpi Vicentine – Gruppo dei Monti Lessini

park_icon Rif. Bocca di Selva (VR) – 1540 m

level_icon 450 m

diff_icon EI

point_icon Piazzale ex-Bersaglio Domenica ore 7.30

home_icon Rifugi in zona

time_icon 3 ore

backpack_icon Invernale + ciaspole + ARTVA – Pala – Sonda

 

Condividi questo appuntamento!

Legenda:

globe_icon Località destinazione

park_icon Punto di partenza

level_icon Dislivello totale in salita

time_icon Tempo complessivo

point_icon Ritrovo

home_icon Punto di appoggio

diff_icon Difficoltà

backpack_icon Equipaggiamento

icon_info Informazioni

Torna in cima