LAGO SANTO – MARMAGNA – 1851m

Home/LAGO SANTO – MARMAGNA – 1851m
Caricamento Eventi

La zona del Lago Santa Parmense è un gioiello di Madre Natura e fa parte del Parco dei Cento Laghi, quell’area è posta a tutela di un crinale meraviglioso che parte dal passo del Lagastrello e culmina al passo della Cisa, in un girotondo di vette dolci e austere con tanti Laghetti di origine glaciale ad impreziosirlo.

Tutto il paesaggio dell’alta val di Parma è ricoperto da faggete e boschi di conifere.

Il crinale dalla Lunigiana appare come una bastionata grandiosa al di sopra dei borghi del fondovalle, assai frequentati già in epoche passate.

Lasciata l’auto al rifugio Lagdei, il sentiero ben segnalato parte sulla destra del rifugio ed entra subito nell’alta faggeta, snodandosi su una mulattiera ben conservata e per niente scivolosa, nonostante in stagioni anomale possa divenire il letto di un torrente rinvigorito da precipitazioni abbondanti.

Il primo tratto presenta la massima pendenza che si addolcisce solo al bivio per le capanne Braiola: sulla destra il monte Orsaro chiude l’orizzonte.

Dopo aver percorso un altro tratto di mulattiera, il sentiero si dirige verso sinistra e attraversa l’ex pista da sci, passando sotto l’impianto di risalita che porta al rifugio Mariotti.

Si prende quota brevemente e si giunge ai piedi del Lago Santo Parmense incastonato tra le pareti dello Sterpara sulla sinistra, mentre sulla destra appare la struttura del rifugio che fu costruito come piccolo ricovero del Cai nel 1882.

Sono passati circa 50 minuti dalla partenza e, dopo la sosta dovuta, si riparte andando a costeggiare il Lago con il rifugio che appare sempre più piccolo ma rimane un provvidenziale ricovero in caso di maltempo.

Si prosegue sul 723 che indica i tempi di percorrenza per il Marmagna in 60 minuti: in realtà questi sessanta minuti si manterranno costanti per un lungo tratto come se uno non si fosse mai mosso…….

Lasciato il bosco di faggi, il cammino ora si addentra in un’abetaia e un cartello segnala l’arrivo in località Padule del Lago.

Lasciato sulla sinistra il bivio per l’AquiIa e Aquilotto, il sentiero maestoso si mantiene al centro del vallone. L’Aquilotto protegge dai venti: manca però qualsiasi segnaletica fino alla Sella del Marmagna.

La salita è sempre regolare e per stemperare la salita è piacevole anche lo zigzagare perdendosi in quell’immenso bianco che infonde tanta serenità e dove le inquietudini per incanto svaniscono.

 

globe_icon Appennino Parmense

park_icon Rifugio Lagdei – Str. Lagdei, 43021 Bosco di Corniglio PR

level_icon 600 m

diff_icon

point_icon

home_icon

time_icon 4 ore

backpack_icon Invernale + ciaspole + ARTVA – Pala – Sonda

 

Legenda:

globe_icon Località destinazione

park_icon Punto di partenza

level_icon Dislivello totale in salita

time_icon Tempo complessivo

point_icon Ritrovo

home_icon Punto di appoggio

diff_icon Difficoltà

backpack_icon Equipaggiamento

icon_info Informazioni

Torna in cima